Ho paura per come andrà

DALLA TESTIMONIANZA DI ALCUNI PAZIENTI SU “AL FEMMINILE”:
LE DUE SETTIMANE DOPO IL TRANSFER “e voi, come le vivete?”

1) M. scrive:
“Ho fatto da pochi giorni il transfer, pensavo che il peggio fosse passato e invece no.
Ho paura per come andrà, queste due settimane sono appena cominciate e mi sembrano un inferno.
L’umore è altalenante passo da ansia forte ad apatia, non ho voglia di fare niente, solo di dormire. Cosa posso fare?”

E’ normale provare ansia a questo punto del percorso, sono normali anche gli sbalzi emotivi e lo stress (Stress e ansia da fecondazione, quanto incidono nell’esito dei trattamenti di Procreazione Assistita?). È un momento in cui sia l’equipe che voi avete fatto tutto quello che era possibile fare. Vorresti accelerare il tempo fino al giorno delle beta, ma è importante fare il contrario. Viverlo. È utile evitare di parlare solo del problema con il proprio partner, uscire vedere in posti nuovi, anche una passeggiata e praticare la respirazione possono aiutare. E se da soli non ci si riesce, non aver paura di chiedere aiuto allo specialista competente.

2) A. scrive:
“Ho fatto il transfer ieri, sono seguita al centro… ma non mi hanno detto nulla, sono stati sbrigativi e non so se è meglio che stia a letto per facilitare l’attecchimento degli embrioni. Dalla lettura dei forum non mi sta aiutando anzi, mi sembra che siano aumentate le miei paure.
E poi il grande interrogativo… Fare il test delle urine??? O Non farlo…. ?! Fare l amore o no? Mi sento stressata e non riesco a pensare ad altro. Non so se faccio bene o male a mantenere un riposo assoluto perché aumentano le mie paure.”

Cara A. Può succedere che a causa del poco tempo a disposizione i medici non riescono ad accogliervi come dovrebbero. Non tutti hanno gli strumenti per dare spiegazioni semplici e utili (La verità sul PICK-UP). Dovete sapere, ed è giusto che facciate domande. È vero i forum alle volte aumentano le ansie perché ci sono le paure delle altre che si sommano a quelle proprie. Non tutti i forum sono uguali. Può essere utile consultare quelli  con specialisti pronti a rispondere alle vostre domande o dubbi. Ad esempio IL FORUM DEI FORUM  tenta di fare questo. Non è necessario, salvo casi particolari, restare a letto, è importante condurre una vita normale, serena e rilassata, evitando bruschi movimenti, ma in questo momento lasciate che sarà il vostro endometrio a cullare i piccoli embrioni e a voi provate a prendervi il vostro tempo.

Da “AL FEMMINILE”
MA perché PROPRIO IO “raccontatemi come vi sentite quando intorno a voi qualcuno ci riesce”.

3) Katya 198583
Avete festeggiato S. Valentino? Personalmente non ho voglia, ieri mi è arrivata la bellissima notizia che due amici aspettano due gemelline… Bella notizia per carità, son felice per loro, ma non riesco a fare a meno di sentirmi triste… La domanda è sempre la stessa perché io no???? Perché devo farmi punture eco, pick up transfer…. È neanche so se funzionerà….!!!! Beh aspettiamo con ansia Martedì per seconda eco e vediamo cosa mi dicono!!!! Un bacio buona domenica

Capita spesso che quando si desidera la maternità, si faccia molto più caso a donne con la pancia, passeggini e amiche che partoriscono. Siamo molto più bravi a notare ciò che ci manca che congratularci con noi stessi per quello che abbiamo. Può accadere di sentirsi in colpa per non averlo fatto prima, di pensare di essere sbagliati, sfortunati e di pensare “perché proprio a me?” Ma dovremmo imparare a non opporre resistenza e lasciare che le cose accadano, a volte la vita fa il suo gioco. Può capitare che ti faccia prendere la strada più lunga per arrivare a quelle più importanti. Concediti il permesso di essere una creatura umana.

4) Katya 198583
Capita anche a me di chiedermi… perché tutto questo succede a me?
Non è facile gioire per un’amica che ti dice di essere incinta e al tempo stesso sentire un po’ di tristezza perché a me non arriva!
E sono 5 anni che lo cerco…
Dobbiamo farci forza e continuare determinate sulla nostra strada, quando leggo di qualche nostra compagna di avventura che finalmente vede un positivo mi riempio di speranza!!
C’è la faremo!!!

Leggo tristezza, solitudine e rabbia tra le righe di queste parole.
Spesso in questi casi, si sente dire da amici o parenti, medici a volte, “cercate di non pensarci, rilassatevi…”
Certo! Direi se fossi al vostro posto… e come si fa a bloccare nella mente i pensieri negativi che si aggrovigliano si affollano l’uno sull’altro, riempiendo ogni spazio dentro me, impedendomi anche di vivere con serenità ogni attimo della mia vita?
Quello che sempre più spesso consiglio a chi come voi si trova a combattere con il percorso di PMA è che non c’è nessuna lotta, nessuna guerra da combattere. Dovete amare voi stesse, il vostro corpo e la vostra vita. Solo amando noi stessi possiamo amare gli altri. Sembra banale ma amiamoli i nostri difetti. Come scacciare i pensieri negativi? Prendendosi cura di sè, uscendo, facendo sport, mantenendo una vita sana.
Quando questo non basta si può anche pensare di farsi aiutare da psicologo specializzato in infertilità. https://abcpsicologiablog.wordpress.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *